Prenota Ora !

Codice Promo:

modifica prenotazione

Occhio alla data...

Solo se prenoti in questo giorno avrai uno sconto del 30% valido per tutto il 2015!

Vacanze di Natale

Camera Classica a SOLI 59 euro per persona. Prenota Subito...

Capodanno 2015

Ultime Disponibilità... Pacchetto in Mezza Pensione Veglione incluso

Speciale Epifania

Camera Family a SOLI 49 euro e fino a due bambini GRATIS!

Seconda Parte

Il giorno 11 aprile 1509 l'Abate Ignazio Manfredi da Firenze sopprime il pagamento delle tasse di Passo dell'Acqua. Purtroppo non si hanno notizie storiche riguardanti il periodo successivo, fino agli inizi del '700, in quanto quegli anni furono molto turbolenti nel perugino in generale e nella zona di Passo dell'Acqua in particolare. Decade, infatti, il predominio del Comune di Perugia da parte della Famiglia dei Baglioni e, con l'affievolirsi delle libertà, peggiorano le condizioni economiche e sociali. Il colpo di grazia è dato dalla "guerra del sale" (1540): la città si ribella al Papa Paolo III Farnese che aveva imposto una tassa sul sale. Dopo una breve resistenza Pier Luigi Farnese, nipote del Papa, conquista Perugia: vengono distrutti i palazzi dei Baglioni (al loro posto si costruisce un'immensa fortezza, la Rocca Paolina), abolite le antiche magistrature, imposto un governatore pontificio. Per più di tre secoli Perugia resta sotto lo Stato Pontificio. Nel 1727 la proprietà di Passo dell'Acqua venne acquistata dai Conti Cesari di Firenze che trasformarono la parte centrale del convento in una sontuosa villa, incorporandovi la Chiesa come cappella privata, ma lasciandola aperta alla devozione dei fedeli e tutelata dalla vicina parrocchia di Pieve Pagliaccia. La famiglia patrizia dei Cesari restaurò, inoltre, la Chiesa modificandone l'architettura da romanica a baroccheggiante e costruì nel parco di fronte ad una fonte di acque termali la magnifica esedra.

Relais San Clemente in UmbriaRelais San Clemente Hotel a Perugia

 Questa elegante struttura un tempo completamente affrescata veniva utilizzata dai nobili per prendere il sole e ripararsi dal vento. Si ha notizia che nel 1763 la Chiesa fu ammirata dal Vescovo di Perugia Conte Amadei durante la visita pastorale alla parrocchia di Pieve Pagliaccia e ne lodò i tre splendidi altari ed i delicati dipinti alle pareti. Nell'anno 1875 tutta la proprietà fu acquistata da Francesco Simonetti e dalla sua sposa Stella Luporini, che ne fecero l'abitazione loro e dei loro figli sviluppandone il complesso agricolo, adornando la villa e la Chiesa che rimase cappella privata ma aperta al culto. Giovanni Simonetti unico erede fondò nel 1915 uno dei primi conservaturifici di pomodoro d'Italia e Jolanda sua moglie si dedicò intensamente alla coltura dei gelsi per la lavorazione della seta e alla cura meticolosa del parco: l'omonima sala dell'albergo era impiegata nella stagione invernale per mettere al riparo dal gelo le piante di limoni. Nel 1985 uno dei nipoti eredi, Giancarlo Simonetti, imprenditore del legno (tutti i pavimenti in legno dell'albergo sono stati prodotti dalla sua fabbrica di parquet) ebbe l'idea ardita e geniale di trasformare la ricca, elegante, artistica villa ed i caseggiati ad essa adiacenti in un Relais che intitolò a San Clemente appunto perché completato dalla spaziosa e artistica Chiesa omonima. Il Relais San Clemente ha aperto i battenti il 25 aprile 1990. Carlo il più giovane dei pronipoti cura ora, per conto della famiglia Simonetti, l'accoglienza degli Ospiti.